IVA al 5% sul trasporto marittimo urbano di persone

Le prestazioni di trasporto urbano di persone effettuato tramite servizio di trasporto marittimo, lacuale, fluviale e lagunare verranno assoggettate ad Iva pari al 5%. Lo prevede un emendamento che la Commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha inserito nella Legge di Bilancio 2017. Il testo della legge, comprensivo dell’emendamento, è stato poi approvato dal plenum della stessa Camera il giorno 28 novembre, e ora passa al vaglio del Senato della Repubblica.
La norma in commento modifica l’articolo 10, comma 1 punto 14 del DPR 633/1972. Se approvata anche dal Senato, farà cadere l’esenzione IVA di cui oggi beneficia tutto il trasporto urbano di persone che sia effettuato mediante mezzi abilitati ad eseguire servizi di trasporto marittimo all’interno di una tratta non superiore ai 50 chilometri. In virtù del suddetto emendamento, saranno dunque assoggettati ad Iva del 5% tutti i trasporti effettuati su mari, laghi e fiumi, a condizione appunto che tali trasporti siano “urbani”, ovvero che siano effettuati nell’ambito del territorio di uno stesso comune o in alternativa tra comuni non distanti tra loro più di cinquanta chilometri.